pixel facebook Come leggere il contatore gas per non avere sorprese in bolletta

ENERTIPS

Come leggere il contatore gas per non avere sorprese in bolletta

Questo articolo parla di:contatore

Leggere il contatore del gas in modo corretto è importante per evitare spese impreviste in bolletta, soprattutto durante i mesi invernali quando i consumi – e quindi i costi – crescono parecchio.


Il contatore del gas, sia esso di nuova installazione o un modello più vecchio, rappresenta il collegamento tra la rete domestica e la rete pubblica e, fondamentalmente, ha la capacità e la funzione di rilevare il volume di gas che lo attraversa e che viene consumato all’interno dell’edificio, restituendo un valore numerico in metri cubi. Non sempre, però, le persone si ricordano dell’autolettura o sanno come procedere per farla. Ecco, allora, alcuni utili consigli per leggere correttamente il contatore del gas e non avere sorprese in bolletta, così da essere certi che i consumi fatturati dal fornitore corrispondano sempre a quelli reali.



Dove si trova il contatore del gas?

Prima di spiegare come leggere il contatore del gas, apriamo una piccola parentesi sul dove si trova questo dispositivo.

Il contatore del gas, infatti, può essere posizionato in vari punti rispetto alla nostra abitazione ed è fondamentale conoscerne la posizione.

Nella maggior parte dei casi, il contatore del gas si trova all’esterno, posto ad esempio in corrispondenza della recinzione perimetrale dell’abitazione, incassato in un muretto o in una parete esterna. In altri casi, può essere collocato in appositi armadietti, installati sul balcone, sulla terrazza o sui pianerottoli delle scale.

Nei condomini, invece, viene solitamente predisposto un vano comune dedicato ad ospitare tutti i contatori, sfruttando spazi come sottoscala e locali tecnici. Sono più rari i casi in cui il contatore è all’interno dell’abitazione, ad esempio all’ingresso, in garage o in cantina.



Come leggere i contatori del gas tradizionali

Con contatori tradizionali si intendono tutti quelli precedenti all’installazione dei contatori teleletti del gas, che dispongono di un display digitale. In questi casi, sul contatore stesso di potranno visualizzare diverse informazioni, tra cui il numero di matricola e altre caratteristiche del dispositivo.

Leggere il contatore del gas significa rilevare i numeri presenti sullo stesso, che esprimono il proprio consumo di gas in metri cubi. Il contatore presenta generalmente una “stringa” di numeri bianchi, alcuni dei quali su sfondo nero, mentre altri su sfondo rosso. Quelli che indicano il consumo di gas sono su sfondo nero e in totale sono cinque. Nel caso in cui ci siano degli zeri a sinistra del numero, non dovranno essere considerati.



Come leggere il contatore del gas teleletto

I nuovi contatori sono teleletti, ovvero permettono alle società di distribuzione dell’energia di rilevare a distanza i consumi di gas registrati dal contatore.

Anche in questo caso, per maggior sicurezza, è sempre consigliato agli utenti di eseguire la lettura del contatore autonomamente, permettendo in ogni caso una verifica delle proprie fatture. Una volta raggiunto il contatore sarà sufficiente prendere nota dei numeri visibili sul display retroilluminato, tralasciando quelli dopo la virgola.

In molti casi i numeri non sono subito visibili, ma è necessario cliccare sull’apposito bottone per accendere il display. Il colore del tasto di accensione del display dipende dalla tipologia del contatore, ma non essendo presenti particolari altri comandi, è semplice da individuare.



Come comunico la lettura del contatore al mio fornitore?

Una volta letto il contatore del gas, per evitare sorprese in bolletta, è importante annotare i numeri e comunicare l’autolettura al proprio fornitore di energia.

Generalmente, sono previste apposite finestre temporali in cui effettuare questa operazione, in modo che gli utenti abbiano la regolare possibilità di comunicare i propri consumi effettivi ed evitare grossi conguagli stagionali.

Per sapere quando è il momento di fare l’autolettura si può far riferimento alle indicazioni contenute in bolletta, nell’apposita area.

La comunicazione al fornitore può essere fatta in vari modi, ad esempio Enercom Luce e Gas offre ai propri clienti la possibilità di comunicare l’autolettura tramite l’AppENERCOM, l’area riservata myENERCOM, presso i negozi fisici, al telefono, ma anche tramite SMS e Whatsapp.

Apri Nuovi Clienti
Chat