pixel facebook Conguaglio gas: cos'è e come funziona

IL MERCATO DELL'ENERGIA

Conguaglio gas: cos'è e come funziona

Questo articolo parla di:conguaglio, gas

Che cos’è il conguaglio del gas

Il conguaglio della bolletta del gas molto spesso riserva ai consumatori qualche spiacevole sorpresa, con cifre più alte del previsto da dover pagare. Ma di che cosa si tratta?


Il conguaglio del gas è un’operazione mediante la quale il fornitore di energia fa un controllo e verifica che quanto fatturato durante l’anno corrisponda effettivamente a quanto è stato consumato.


Il conguaglio del gas avviene con ogni fornitore e il calcolo finale può portare a differenze sia in positivo, che in negativo rispetto a quanto effettivamente fatturato. Questo significa che un consumatore può aver pagato di più di quanto ha consumato, oppure di meno.


conguaglio gas


Come funziona il conguaglio gas?

Come già detto, il conguaglio del gas è un calcolo che confronta i consumi stimati dalla compagnia di fornitura di energia (e quindi fatturati al cliente e poi pagati), con quelli reali.
La differenza di queste due cifre nasce dal fatto che la lettura dei consumi reali non può essere sempre fatta dal fornitore di gas. In mancanza di dati, quindi, si stima un ipotetico consumo di gas, che determina il costo presente nelle bollette emesse durante l’anno.

La bolletta di conguaglio può poi essere pagata a fine anno o al termine del contratto del fornitore (in questo caso si chiama bolletta di chiusura) e dipende dalle condizioni del proprio contratto. È in questa occasione che il consumatore dovrà pagare – se c’è – la differenza tra i costi dovuti ai consumi stimati e quelli legati ai consumi reali.

Enercom Luce e Gas stima i consumi presunti dei propri clienti sulla base della normativa vigente e il conguaglio viene effettuato alla prima occasione utile, ovvero nel momento in cui si procede con una lettura del contatore. Il totale del consumo letto sul contatore in questa circostanza viene fatturato con un importo di conguaglio, detraendo tutto quanto già pagato dal consumatore nei mesi precedenti.


consumi gas


Perché si ricorre al conguaglio?

Si ricorre al conguaglio del gas in tutti quei casi in cui il fornitore non può controllare da remoto il contatore e quando il consumatore non comunica l’autolettura, fondamentale per mantenere allineati i costi ai consumi.

Il tema tocca, quindi, tutti coloro che ancora non hanno visto la sostituzione del proprio contatore con uno di ultima generazione.

Il ricorso al conguaglio, in ogni caso, serve anche per tutelare il consumatore e provvedere al rimborso nel caso in cui i costi fatturati sulla base delle stime risultino invece più elevati dei consumi reali.

Inoltre, uno dei motivi per cui si è introdotto il conguaglio è la possibilità di stimare i consumi ipotetici annuali e spalmarli in modo più uniforme sui 12 mesi. Questo dovrebbe essere di aiuto a ridurre i picchi di spesa stagionali.

In realtà però, può capitare che questo porti poi a spese elevate e impreviste nelle bollette di conguaglio.

Una novità legislativa degli ultimi anni, infatti, ha imposto proprio lo stop ai “maxi-conguagli”, impedendo al fornitore di emettere bollette di conguaglio riguardanti spese più vecchie di due anni.


conguaglio del gas


Come evitare un conguaglio gas troppo elevato?

Una bolletta di conguaglio eccessivamente elevata può essere causata da diversi fattori, tra cui un’errata valutazione dei consumi ipotetici.

L’ARERA definisce le modalità di calcolo, che si basano su alcune informazioni che il consumatore deve comunicare, come la superficie di casa o il numero degli abitanti.

Con il passare del tempo, però, possono cambiare le abitudini e l’utilizzo di energia e, di conseguenza, le stime non risultano più “affidabili”.

Proprio per questo è fondamentale che tutti i consumatori comunichino l’autolettura al proprio fornitore, così da allineare nel tempo le bollette ai consumi reali, evitando spese impreviste al momento del conguaglio. L'autolettura è un’operazione molto semplice e comporta la lettura dei numeri sul contatore.

I clienti di Enercom Luce e Gas possono comunicare l’autolettura in vari modi: tramite l’AppENERCOM, l’area riservata myENERCOM, al telefono (anche via whatsapp o sms) e in negozio. Infine, è importante scegliere sempre l’offerta luce e gas adatta alle proprie esigenze, da valutare proprio sull’offerta, ma anche sulle abitudini che abbiamo in casa.

Apri Nuovi Clienti