pixel facebook
Info Utili e Assistenza

La pagina Info utili per il cliente vuole essere un’utile guida per il cliente per orientarsi al meglio tra procedure, normative ARERA e modulistica.

In particolare questa Guida:

  • chiarisce le varie iniziative che Enercom Luce e Gas assume per aiutare e tutelare il Cliente, in aggiunta agli obblighi giuridici e alle normative;
  • spiega i diritti in base al contratto tra cliente e Enercom Luce e Gas, con riferimento anche alle regole fissate dall’ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente;
  • descrive il rapporto contrattuale tra Enercom Luce e Gas e il Cliente e spiega come si svolge tale rapporto, ponendo particolare attenzione alla fatturazione dei consumi di luce e gas.
Forniture Bolletta Luce e Gas

Settore Gas Naturale

Ai sensi dell’allegato A alla delibera ARERA 463/2016/R/com (TIF – Testo Integrato Fatturazione), ENERCOM emetterà le bollette di periodo con la frequenza indicata nelle tabelle sotto riportate:

A. Punti di riconsegna in cui noN è obbligatoria la lettura mensile con dettaglio giornaliero

B. Punti di riconsegna in cui è obbligatoria la lettura mensile con dettaglio giornaliero

In deroga all’articolo 4 comma 2 della delibera sopraccitata, nel mercato libero ciascuna fattura potrà essere emessa entro il termine di 70 giorni solari calcolati dall’ultimo giorno di consumo addebitato nella medesima fattura.

Settore elettrico

Ai sensi dell’allegato A alla delibera ARERA 463/2016/R/com (TIF – Testo Integrato Fatturazione), ENERCOM emetterà le bollette di periodo con la frequenza indicata nelle tabelle sotto riportate:

In deroga all’articolo 4 comma 2 della delibera sopraccitata, nel mercato libero ciascuna fattura potrà essere emessa entro il termine di 70 giorni solari calcolati dall’ultimo giorno di consumo addebitato nella medesima fattura.

Consumi stimati e consumi effettivi

Per i consumi stimati, le fatture vengono emesse su consumi presunti a causa della mancanza di un’effettiva lettura del contatore; pertanto contengono l’ultima lettura rilevata, il consumo presunto e l’importo da pagare entro una determinata scadenza. Il consumo riportato nella fattura corrisponde a quanto previsto dalla normativa vigente e, nonostante l’andamento climatico, può portare ad una differenza rispetto alla lettura reale del contatore.

ENERCOM ricorda che, nel caso di fatture stimate, alla prima fatturazione utile, ovvero con un’autolettura o una lettura reale del contatore effettuata dal distributore, il consumo verrà eventualmente conguagliato, con un importo a conguaglio (che può essere anche a credito del cliente) ottenuto detraendo dall’importo totale la somma degli importi già fatturati.

Per ulteriori informazioni in merito si rimanda alla normativa di riferimento (TESTO INTEGRATO FATTURAZIONE – TIF, Allegato A alla delibera 463/2016/R/com).

Autolettura consumi

L’autolettura, ovvero la comunicazione dei numeri letti sul contatore, nel periodo indicato in bolletta, da parte del cliente è fondamentale in quanto permette ad ENERCOM di avere i dati reali di consumo del cliente.

In questo modo il cliente avrà sempre una fattura basata sui dati reali di consumo, pagherà effettivamente quanto ha consumato, così che ENERCOM non dovrà ricorrere ad una fattura stimata sulla base di dati non reali.

Per sapere come effettuare l’autolettura clicca sulla tab dedicata “Autolettura”

Che cosa è il bonus sociale sulla bolletta del gas e della luce?

È una riduzione sulle bollette del gas riservata alle famiglie a basso reddito e numerose. Il bonus è stato introdotto dal Governo e reso operativo dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

Nell’anno 2021 è stata introdotto una novità: a chi ha diritto al bonus per disagio economico luce e gas a partire dal 2021 il riconoscimento in bolletta avverrà automaticamente, senza necessità di presentare una specifica domanda al Comune o all’ente da esso designato, sarà sufficiente presentare ogni anno solo la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), tramite ad esempio il Comune, i CAF o il sito INPS. Restano invece invariate le modalità di accesso al bonus per disagio fisico: i clienti interessati dovranno continuare a farne richiesta presso i Comuni di residenza o i CAF abilitati.

Bonus sociale luce e gas per disagio economico 2021: a chi spetta?

Le novità introdotte per il bonus per disagio economico non riguardano i requisiti necessari per ottenere questa agevolazione. Le condizioni previste per avere diritto al bonus per disagio economico, infatti, non sono cambiate.

È necessario appartenere ad:

  • un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro;
  • un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro.

Il bonus sociale luce viene erogato sia ai clienti che hanno aderito a un’offerta sul mercato libero dell’energia sia a quelli serviti in maggior tutela. Verrà automaticamente riconosciuto anche in caso di cambio fornitore.

Lo stesso vale per il bonus sociale gas, per accedere al quale tuttavia è necessario essere allacciati alla rete cittadina del gas, perché l’agevolazione non può essere riconosciuta se si utilizza gas metano o GPL in bombola.

Come ottenere il bonus sociale luce e gas per disagio economico dal 2021?

Dal 1° gennaio 2021, come previsto dal Decreto Legge 26 ottobre 2019 n. 124, convertito con modificazioni dalla legge 19 dicembre 2019, n. 157 chi ha diritto al bonus luce e gas per disagio economico non dovrà più presentare una specifica domanda presso i Comuni o i CAF: sarà sufficiente presentare ogni anno solo la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), tramite ad esempio il Comune, i CAF o il sito INPS, al fine di ottenere l’attestazione ISEE.

La Dichiarazione Sostitutiva Unica presentata per accedere alle prestazioni sociali agevolate (mensa scolastica, assegno di maternità, bonus bebè, ecc.), consentirà anche l’accesso automatico al bonus sociale per disagio economico, qualora ne sussistano le condizioni.

In presenza dei requisiti di reddito, l’INPS invierà i dati del nucleo familiare al Sistema Informativo Integrato (SII – Sistema Informativo Integrato, gestito dalla società Acquirente Unico. Il SII è una banca dati informatica che contiene informazioni utili ad individuare le forniture elettriche e gas).

Il SII avrà un ruolo centrale, acquisirà le informazioni dall’INPS, identificherà le forniture da agevolare e le comunicherà a venditori e distributori di energia elettrica e gas, indicando il periodo di validità dell’agevolazione.

La nuova modalità di erogazione del bonus sarà operativa secondo le tempistiche previste dalla delibera ARERA n.63/21 a partire dal secondo semestre 2021 e saranno riconosciute, con accredito in bolletta, anche le eventuali quote già maturate relative ai precedenti mesi dell’anno.

Ogni nucleo familiare ha diritto, per l’anno di competenza, a un solo bonus per tipologia (elettrico, gas).

Come viene riconosciuto il bonus sociale luce per disagio fisico a partire dall’anno 2021?

Nulla cambia, invece, per il bonus sociale per disagio fisico. Questa agevolazione è riconosciuta, in caso di gravi condizioni di salute, per l’utilizzo di apparecchiature elettromedicali che comportano un elevato consumo di energia elettrica. L’agevolazione non è legata all’ISEE, ma l’ammontare dipende dal consumo annuo dei macchinari salvavita utilizzati. I potenziali beneficiari dovranno continuare a farne richiesta presso i Comuni di residenza o gli enti da essi designati, quali i CAF abilitati, come in passato.

Assicurazione Clienti Gas

Chiunque usi, anche occasionalmente, gas naturale o altro tipo di gas fornito tramite reti di distribuzione urbana o reti di trasporto, beneficia in via automatica di una copertura assicurativa contro gli incidenti da gas, ai sensi della deliberazione 167/2020/R/gas dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

La copertura assicurativa è valida su tutto il territorio nazionale; da essa sono esclusi:

  • i clienti finali di gas metano diversi dai clienti domestici o condominiali domestici dotati di un misuratore di classe superiore a G25 (la classe del misuratore è indicata in bolletta);
  • i consumatori di gas metano per autotrazione.

Le garanzie prestate riguardano: la responsabilità civile nei confronti di terzi, gli incendi e gli infortuni, che abbiano origine negli impianti e negli apparecchi a valle del punto di consegna del gas (a valle del contatore). L’assicurazione è stipulata dal CIG (Comitato Italiano Gas) per conto dei clienti finali.

I contatti del Comitato Italiano Gas sono indicati sul sito internet al link: https://www.cig.it/contatti/

Per ulteriori dettagli in merito alla copertura assicurativa e alla modulistica da utilizzare per la denuncia di un eventuale sinistro si può contattare lo Sportello per il consumatore energia reti e ambiente al numero verde 800.166.654 o con le modalità indicate nel sito internet www.arera.it

Chi è tenuto al pagamento del Canone TV?

È tenuto al pagamento del Canone chiunque detiene un apparecchio televisivo. Per apparecchio televisivo si intende un apparecchio in grado di ricevere, decodificare e visualizzare il segnale digitale terrestre o satellitare, direttamente – in quanto costruito con tutti i componenti tecnici necessari –  oppure tramite decoder o sintonizzatore esterno, secondo la definizione contenuta nella nota del 20 aprile 2016 del Ministero dello Sviluppo Economico. Il Canone è dovuto una sola volta in relazione a tutti gli apparecchi detenuti dai componenti della stessa famiglia anagrafica, indipendentemente dal numero di abitazioni in cui sono presenti apparecchi tv.

Chi deve pagare il Canone in famiglia, se la moglie ha sempre pagato l’abbonamento tv mentre l’utenza elettrica residenziale è invece intestata al marito?

Se marito e moglie appartengono alla medesima famiglia anagrafica, il Canone è dovuto una sola volta. Il Canone sarà addebitato solo sulla fattura per la fornitura di energia elettrica intestata al marito e l’Agenzia delle entrate procederà alla voltura del Canone di abbonamento nei confronti del marito. Nessuna dichiarazione sostitutiva deve essere presentata dalla moglie o dal marito.

L’utenza elettrica fa presumere la detenzione di un apparecchio ricevente?

Sì, dal 1° gennaio 2016, la detenzione di un apparecchio si presume nei confronti dei titolari di utenza di fornitura elettrica ad uso domestico residente e il Canone viene addebitato nelle fatture per la fornitura di energia elettrica.

Sono titolare di una utenza elettrica residente e di una utenza elettrica non residente. Su quale fattura viene addebitato il Canone?

Il Canone è addebitato esclusivamente sull’utenza di tipo residenziale.

Sono titolare di due utenze elettriche residenti, e il Canone è stato addebitato su entrambe. È corretto?

In generale non si dovrebbe essere titolari di più di un’utenza elettrica di tipo domestico residenziale. In ogni caso, si suggerisce di verificare che i riferimenti anagrafici e il codice fiscale presenti nei due contratti siano aggiornati. Per conoscere le modalità per richiedere il rimborso del Canone non dovuto è necessario attendere un apposito Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate, in corso di emanazione.

Sono titolare di due contratti elettrici residenti: su quale mi verrà addebitato il Canone?

In generale non si dovrebbe essere titolari di più di un’utenza elettrica di tipo domestico residenziale. Il Canone verrà addebitato sul contratto della tipologia “clienti residenti” (D2) ove l’altro sia della tipologia “altri clienti domestici” (D3). Qualora invece i contratti fossero entrambi della tipologia “clienti residenti” (D2), verrà addebitata la fornitura con attivazione più recente.

Ho attivato una nuova utenza elettrica: da quando è addebitato il Canone?

Il Canone è addebitato dal mese di attivazione della fornitura. L’addebito avverrà nella prima fattura elettrica utile, dove saranno addebitate le rate già scadute.

Ho cambiato impresa elettrica: devo comunicare qualcosa ai fini dell’addebito delle rate di Canone successive allo switch?

No. Le rate saranno addebitate dalle due imprese elettriche secondo i periodi di relativa competenza.

Se non possiedo apparecchi televisivi, ma sono titolare di utenza elettrica residente, come faccio a superare la presunzione di detenzione?

Per superare la presunzione di detenzione di apparecchi televisivi è necessario presentare la dichiarazione di non detenzione, compilando il Quadro A della dichiarazione sostitutiva pubblicata sui siti www.agenziaentrate.gov.ite www.canone.rai.it. Tale dichiarazione ha validità annuale.

Se il pagamento della bolletta viene eseguito decurtando l’importo del Canone RAI, cosa succede?

Secondo quanto stabilito dall’art. 4, comma 3, del D.M. n. 94 del 13 maggio 2016 (Regolamento recante attuazione dell’articolo 1, comma 154, della legge 28 dicembre 2015, n. 208), “In nessun caso il mancato pagamento del canone comporta il distacco della fornitura di energia elettrica”.

Chi è esentato dal pagamento del Canone RAI?

Sono esentati dal pagamento del Canone:

  • Possessori di soli apparecchi radio o computer privo di sintonizzatore TV.
  • Persone da 75 anni di età e reddito non superiore a 6.713,98 euro (compresi redditi di familiari conviventi). La Legge prevede di costituire un fondo per finanziare l’estensione dell’agevolazione portando il limite reddituale da 6.713,98 euro a 8.000 euro.
  • Ospedali militari, Case del Soldato e Sale convegno dei Militari delle Forze Armate.
  • Militari di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Armare della NATO di stanza in Italia.
  • Agenti diplomatici e consolari, secondo le caratteristiche previste (verifica sul sito della RAI).
  • Esercizi di riparazione o commercializzazione di apparecchiature di ricezione radio televisive.

Imprese abilitate alla costruzione di impianti

La legge 5 marzo 1990 n. 46 (di seguito legge n.46/90) ha introdotto norme per la sicurezza degli impianti di utenza a gas per uso civile; essa in particolare stabilisce:

  • a) l’obbligo per il committente i lavori di installazione, trasformazione, ampliamento e manutenzione degli impianti di utenza a gas per uso civile di rivolgersi esclusivamente ad imprese iscritte nel registro delle ditte (R.D. 20 settembre 1934, n. 2011) o nell’albo delle imprese artigiane (legge 8
    agosto 1985, n. 443);
  • b) l’abilitazione obbligatoria delle imprese di cui sopra, subordinata al possesso di particolari requisiti tecnico-professionali da parte dell’imprenditore o di un responsabile tecnico;
  • c) l’obbligo, per gli impianti realizzati dalla data di entrata in vigore della legge n. 46/90, del rilascio al committente i lavori della Dichiarazione di conformità da parte della ditta abilitata, ossia le le linee guida CIG n. 11 con annesso il modello di rapporto tecnico di compatibilità e il modello di dichiarazione del progettista di rispetto della legislazione antincendio.
  • d) l’adeguamento alla regola dell’arte degli impianti realizzati
    precedentemente alla data di entrata in vigore della legge; gli impianti costruiti prima del marzo 1990 devono comunque possedere i requisiti di sicurezza previsti dal Decreto del Presidente della Repubblica n. 218 del maggio 1998 e verificati secondo le procedure riportate dalla norma UNI-CIG 10738 che ne attesta l’idoneità con il rilascio della scheda di verifica.

Consultate il sito web dell’UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione

Accertamenti della sicurezza post contatore (in vigore dal 01 Luglio 2014)

La Delibera 40/2014/R/gas, ha stabilito nuovi obblighi per gli operatori del settore
Gas nonché per i Clienti finali finalizzati a garantire la sicurezza degli impianti gas.

Il nuovo regolamento pubblicato dall’Autorità sul sito www.arera.it nella
versione integrata e modificata, prevede che il cliente che richiede la fornitura per un
nuovo impianto presenti al Distributore al momento della richiesta, anche per
tramite il soggetto che effettua la vendita, la documentazione per l’accertamento
della corretta esecuzione dell’impianto.

Nel caso di richiesta di fornitura per nuovi impianti, i documenti da produrre sono:

  • Conferma della richiesta di attivazione della fornitura di gas
  • Attestazione di corretta esecuzione dell’impianto
  • Allegato informativo per le richieste di preventivazione di lavori pervenute al distributore a partire dal 1 luglio 2014

I documenti sono disponibili nelle tab sottostanti

Conferma della richiesta di attivazione della fornitura di gas

Da compilarsi a cura del richiedente (cliente).

Attestazione di corretta esecuzione dell’impianto

Da compilarsi a cura
dell’installatore (impresa incaricata), corredato degli allegati tecnici previsti dalla
Delibera. Tale documentazione, debitamente compilata e sottoscritta, dovrà essere inviata all’Azienda distributrice.

La documentazione sarà sottoposta ad accertamento per verificare se l’impiato a cui
attivare la fornitura di gas è stato installato nel rispetto delle norme di sicurezza; in
caso di esito positivo sarà attivata la fornitura, mentre in caso di esito negativo
l’Azienda distributrice non potrà procedere all’attivazione della fornitura e si dovrà
presentare una nuova richiesta, dopo che l’installatore avrà provveduto ad eliminare
tutte le non conformità riscontrate e indicate in una apposita comunicazione che verrà inviata dall’Azienda distributrice.

Se entro 30 giorni lavorativi dalla data di avviamento della pratica di attivazione della
fornitura da parte dell’Azienda distributrice non perviene a tale Azienda tutta la
documentazione di cui sopra, ma almeno i moduli Allegato H e Allegato I, unitamente
alla copia del certificato o della visura che attesta l’abilitazione dell’installatore ai sensi della legge n. 46/90 (nei casi richiesti), la fornitura di gas verrà attivata comunque.

Tuttavia l’Azienda distributrice notificherà al Comune di residenza del cliente che non è stato possibile effettuare l’accertamento e che pertanto si rende opportuna una verifica in loco dell’impianto da parte dei tecnici incaricati dal Comune. In caso di verifica da parte del Comune, sarà addebitato un ulteriore costo di € 60,00, ferma restando la facoltà del Comune di richiedere ulteriori costi connessi alla verifica. I costi degli accertamenti sono addebitati al cliente secondo quanto previsto dal regolamento.

Ulteriori indicazioni riguardanti i moduli H, I e gli allegati obbligatori, sono reperibili direttamente sul sito delle società di Distribuzione.

Allegato informativo per le richieste di preventivazione di lavori
pervenute al distributore a partire dal 1 luglio 2014

A tutte le richieste di preventivazione per l’esecuzione di nuovi punti gas, verrà
allegato il documento sopra indicato che illustra la procedura da seguire per ottenere l’attivazione della fornitura

Autolettura

L’autolettura è un servizio semplice, veloce e gratuito; in pochi istanti, puoi comunicare la lettura del tuo contatore del gas ed assicurarti così di avere una bolletta reale e precisa con i consumi effettivi.

Come effettuare l’Autolettura?

APP ENERCOM
Scarica l’app di ENERCOM per Iphone o per Android e vai nella sezione Autolettura.
Una semplice procedura guidata ti indicherà se, per il contratto selezionato, è attiva la finestra di autolettura e come inserire e inviare i dati.


myENERCOM
Entra nell’area riservata e scegli la sezione Autolettura. Una semplice procedura guidata ti indicherà se, per il contratto selezionato, è attiva la finestra di autolettura e come inserire e inviare i dati.


Negozi
Trova il negozio più vicino a te!


Telefono Fisso
Numero Verde Gratuito: 800 55 83 30
(Il servizio è attivo con gli stessi orari del servizio clienti.)


Cellulare
02 82900197
Costo in base al proprio piano tariffario. Il servizio è attivo con gli stessi orari del servizio clienti


SMS

Attiva il servizio SMS per riceve gli avvisi di ENERCOM per i tuoi contratti. Quando la tua finestra di autolettura sarà attiva, riceverai un SMS di notifica con le istruzioni da seguire.

Rispondi all’SMS con il tuo codice cliente, seguito dalla lettura, separati da uno spazio (senza altri caratteri o punteggiatura).


WhatsApp

Telefono: +39 3407711395

Salva il nostro numero dedicato in rubrica e invia un messaggio tramite WhatsApp scrivendo il tuo codice cliente, seguito dalla lettura del contatore.

Quando effettuare l’autolettura?

L’autolettura è un servizio semplice, veloce e gratuito; in pochi istanti, puoi comunicare la lettura del tuo contatore del gas ed assicurarti così di avere una bolletta reale e precisa con i consumi effettivi.

La lettura del contatore del gas può essere comunicata nei giorni che trovi indicati in bolletta, nell’area “Autoletture”.

Indicazioni dell’Autorità

Il venditore, per tutti i contatori gas con frequenza di lettura diversa da quella mensile con dettaglio giornaliero, ha l’obbligo di mettere a disposizione dei clienti una modalità per la raccolta dell’autolettura comunicata dal cliente all’interno di una finestra temporale indicata in fattura.

Il dato di autolettura sarà preso in carico dal venditore a meno che non risulti palesemente errato (in quanto di almeno un ordine di grandezza diverso dall’ultimo dato effettivo disponibile) e trasmesso all’impresa di distribuzione entro 4 giorni lavorativi.

Il venditore è tenuto ad informare almeno una volta l’anno, ciascun cliente finale, della possibilità di comunicare l’autolettura.

(TESTO INTEGRATO FATTURAZIONE – TIF, Allegato A alla delibera 463/2016/R/com)

Contratti Luce e Gas

Morosità e Indennizzi

Informativa ai sensi della Delibera ARG/gas 99/11 (Allegato A – TIMG – TESTO INTEGRATO MOROSITA’ GAS) e Delibera 258/2015/R/com ( Allegato A – TIMOE – TESTO INTEGRATO MOROSITA’ LUCE) dell’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente)

Si riporta qui di seguito la time-line esemplificativa relativa al recupero del credito di un’utenza morosa (gas/ luce) e all’eventuale sospensione.

  • Il Cliente è tenuto al pagamento delle fatture entro la data di scadenza indicata sulle stesse, successiva almeno di 20 giorni solari rispetto alla data di emissione
  • In caso di mancato pagamento, decorsi 5 giorni solari dalla scadenza della fattura, il Venditore invierà al Cliente una comunicazione di costituzione in mora
  • Nella comunicazione di costituzione in mora verrà indicata la data entro la quale il Cliente dovrà provvedere al pagamento di quanto dovuto (15 giorni solari)
  • In costanza di mora, decorsi 3 giorni lavorativi dalla scadenza del termine di pagamento indicato nella comunicazione di costituzione in mora, il Venditore in caso di PDR/POD disalimentabile, richiederà al Distributore la chiusura del PDR/ riduzione di potenza disponibile di un livello del 15% per un periodo di 15 giorni del POD
  • Il Distributore provvede all’esecuzione dell’intervento entro 8 giorni utili dal lunedì della settimana successiva al ricevimento della richiesta; le richieste vengono eseguite tenendo conto dell’ordine di priorità indicato da ciascun Venditore
  • Il Distributore comunica l’esito al venditore entro 2 giorni lavorativi successivi al giorno di esecuzione dell’intervento di sospensione

In caso di ritardato pagamento delle fatture, il Venditore addebiterà sugli importi fatturati, e per ogni giorno di ritardo, interessi di mora che matureranno dalla data di scadenza della fattura fino alla data dell’effettivo pagamento; tali interessi saranno calcolati su base annua, applicando il tasso ufficiale di riferimento (TUR) maggiorato di 3,5 punti percentuali.

Il Cliente buon pagatore sarà tenuto al pagamento del solo interesse legale per i primi 10 (dieci) giorni di ritardo.

Come riattivare la fornitura gas in caso di morosità

Per riattivare la fornitura gas sospesa per morosità, occorre inviare al venditore la richiesta insieme con la documentazione dell’avvenuto pagamento, nei modi indicati nella comunicazione di messa in mora.

Il Venditore che riceve l’attestazione di pagamento del cliente deve immediatamente inviare al distributore la richiesta di riattivazione della fornitura.

Il Distributore deve riattivare la fornitura entro 2 giorni feriali dalla data di ricevimento della richiesta da parte del venditore.

Se la richiesta di riattivazione giunge al distributore oltre le ore 18:00 nelle giornate di lunedì martedì e mercoledì, e oltre le ore 14:00 nelle giornate di giovedì e venerdì, la procedura può slittare al giorno successivo.

Se per cause imputabili al distributore la fornitura viene riattivata oltre il tempo previsto, il Cliente deve automaticamente ricevere un indennizzo automatico pari a:

  • 35 € per PDR con gruppo di misura fino alla classe G6 (indennizzo base)
  • 70 € per PDR con gruppo di misura dalla classe G10 alla classe G25 (indennizzo base)
  • 140 € per PDR con gruppo di misura dalla classe G40 (indennizzo base)

Come riattivare la fornitura luce in caso di morosità

Per riattivare la fornitura sospesa per morosità, occorre inviare al venditore la richiesta insieme con la documentazione dell’avvenuto pagamento, nei modi indicati nella comunicazione di messa in mora.

Il Venditore che riceve l’attestazione di pagamento del cliente deve immediatamente inviare al distributore la richiesta di riattivazione della fornitura.

Il Distributore deve riattivare la fornitura entro 1 giorno feriale dalla data di ricevimento della richiesta da parte del venditore.

Se per cause imputabili al distributore la fornitura viene riattivata oltre il tempo previsto, il Cliente deve automaticamente ricevere un indennizzo automatico pari a:

  • 35 € fino a 2 giorni di ritardo
  • 70 € per il terzo giorno di ritardo
  • 105 € oltre il terzo giorno di ritardo

Eventuali indennizzi a carico del venditore

ENERCOM è tenuta a corrispondere al Cliente un indennizzo automatico per un importo pari a:

  1. euro 30 (trenta) nel caso in cui sia stata effettuata una riduzione di potenza o la fornitura sia stata sospesa per morosità nonostante il mancato invio della comunicazione di costituzione in mora;
  2. euro 20 (venti) nel caso in cui sia stata effettuata una riduzione di potenza o la fornitura sia stata sospesa per morosità nonostante alternativamente:
    1. il mancato rispetto del termine ultimo entro cui il cliente è tenuto a provvedere al pagamento
    2. il mancato rispetto del termine minimo tra la data di scadenza del termine ultimo di pagamento e la data di richiesta all’impresa distributrice per la sospensione della fornitura o riduzione della potenza

Nei casi suddetti, al Cliente non potrà essere richiesto il pagamento di alcun ulteriore corrispettivo relativo alla sospensione o alla riattivazione della fornitura.

Mix Energetico

Ai sensi di quanto disposto dal decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 31 luglio 2009, con riferimento agli anni 2018 e 2019, sono indicate di seguito le informazioni relative alla composizione del mix medio nazionale sotteso all’energia immessa nel sistema elettrico italiano, ivi inclusa l’energia elettrica importata, come pubblicate dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE) e la composizione del mix di fonti energetiche utilizzato da ENERCOM S.r.l. per la fornitura di energia elettrica ai clienti finali.

*consuntivo ** pre-consuntivo

Che cos’è?

La Procedura di ripristino è una procedura, introdotta dall’ARERA con Delibera 153/2012/R/com del 19 aprile 2012 e successivamente modificata il 6 aprile 2017 dalla Delibera 228/2017/R/com, che consente al Cliente finale di ritornare a essere servito dal fornitore precedente – alle medesime condizioni che aveva stipulato con quest’ultimo – in caso di passaggio (c.d. “switching”) a un venditore “non richiesto”.

La Procedura di ripristino si applica solo ove il venditore non richiesto vi abbia aderito, dandone comunicazione all’Autorità che provvede, quindi, ad iscriverlo in apposito elenco.

Come funziona?

Presupposti:

  • Accoglimento del reclamo del Cliente da parte del venditore non richiesto;
  • Verifica da parte dello Sportello dell’infondatezza del rigetto del reclamo.

Conseguenze:
Il venditore non richiesto fornisce al venditore precedente e al distributore tutte le informazioni utili a consentire il passaggio del Cliente, alla prima data utile, al vecchio fornitore Per maggiori informazioni, visita la pagina dell’Autorità al link: https://www.arera.it/it/docs/17/228-17.html

Allegato A

Testo integrato in materia di misure propedeutiche per la conferma del contratto di fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale e procedura ripristinatoria volontaria

Segnalazioni, Reclami e Conciliazione

Per le segnalazioni cliente è disponibile il numero verde gratuito 800 490 266 (attivo da lunedì a venerdì 8:00-20:00, il sabato 9:00-14:00) attraverso il quale è possibile ottenere da personale competente tutti i chiarimenti e le informazioni necessarie. Per l’invio di eventuali segnalazioni scritte è possibile compilare il Modulo Reclami e inviarlo scegliendo tra una delle seguenti modalità:

Fax
Al numero +39 0373 893543

Posta
All’indirizzo Via Santa Chiara 9, 26013 Crema (CR) – all’attenzione dell’Ufficio Customer Care

In caso di mancato rispetto degli standard specifici di qualità commerciale (ossia il livello di qualità riferito alla singola prestazione da garantire al cliente) di cui all’Allegato A alla Delibera ARERA 413/2016/R/com e ss.mm.ii., ENERCOM riconoscerà al Cliente finale un indennizzo automatico base pari a 25 Euro. Nello specifico:

  • se l’esecuzione della prestazione avviene oltre lo standard, ma entro un tempo doppio dello standard, è corrisposto l’indennizzo automatico base;
  • se l’esecuzione della prestazione avviene oltre un tempo doppio dello standard, ma entro un tempo triplo dello standard, è corrisposto il doppio dell’indennizzo automatico base;
  • se l’esecuzione della prestazione avviene oltre un tempo triplo dello standard, è corrisposto il triplo dell’indennizzo automatico base.

Relativamente all’anno precedente, i livelli di qualità raggiunti da ENERCOM (anno 2020) sono i seguenti:

  • tempo medio effettivo di risposta motivata ai reclami scritti: 16 giorni solari;
  • tempo medio di risposta a richieste scritte di informazioni: 10 giorni solari.

In caso di reclamo non estinto, è possibile attivare gratuitamente la procedura di Conciliazione, anche tramite un delegato, compilando l’apposito Modulo di Richiesta presente sul sito dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Si specifica, inoltre, che l’esperimento del tentativo di conciliazione costituisce presupposto necessario per l’accesso alla giustizia ordinaria. Per avere maggiori informazioni e per utilizzare la procedura, si rimanda comunque all’indirizzo internet https://www.arera.it/it/consumatori/conciliazione.htm.

Per le controversie insorte fra un consumatore e un operatore nei settori di competenza dell’Autorità, è altresì possibile adire uno degli organismi alternativi (ADR) istituito dall’Autorità con Delibera 620/2015/E/com, il cui elenco è consultabile alla pagina di cui sopra alla voce “ADR”, e ai quali ENERCOM si impegna a partecipare.

Firma Elettronica Avanzata (FEA)

Il presente documento riporta le informazioni relative al progetto di Firma Elettronica Avanzata grafometrica che è stato realizzato per Enercom, allo scopo di descriverne le caratteristiche, le modalità operative e le procedure adottate.

Registrazione

Compila il modulo di registrazione. Una volta ricevuta l’email di conferma, dovrai verificare la tua iscrizione e completare il profilo con i tuoi dati. Dopo l’attivazione potrai controllare la fatturazione e attivare i servizi di tutti i tuoi contratti ENERCOM attivi

Come funziona?

Profilo
Nella sezione Profilo hai tutti i dati delle tue utenze Luce e gas e puoi attivare, disattivare e gestire:


Autolettura
Comunica l’autolettura del tuo contatore Gas e Luce per avere le bollette sempre in linea con i tuoi consumi. Una semplice procedura guidata ti indicherà se la finestra di autolettura è aperta, e in che modo inserire e dati.


Grafico Consumi
Permette di visualizzare i tuoi consumi dei mesi precedenti, selezionando un periodo di interesse.


Bolletta in PDF

In questa sezione potrai attivare l’opzione Bolletta in PDF e modificare l’indirizzo email su quale ricevere le fatture.


Servizio SMS
In questa sezione potrai attivare l’opzione Servizio SMS e modificare il numero di telefono sul quale ricevere le comunicazioni.


Domiciliazione bancaria
In questa sezione potrai attivare la modalità di pagamento SEPA e modificare l’IBAN del conto sul quale ricevere gli addebiti.


Recapito fatture
In questa sezione potrai modificare in autonomia, l’indirizzo di recapito delle fatture.

Scarica l’APP

Con l’APP di ENERCOM potrai gestire le tue utenze, visualizzare le fatture e cercare il Negozio più vicino a casa tua, direttamente dal palmo della tua mano. Facile, comoda e sicura.

L’APP di ENERCOM è disponibile per tutti gli smartphone Android e IOS su GooglePlay e Apple Store:

Come funziona?

Profilo
Nella sezione Profilo hai tutti i dati delle tue utenze Luce e gas e puoi attivare, disattivare e gestire:

  • Servizio SMS
  • Bolletta in PDF via email

Bolletta
In quest’area è disponibile lo storico fatture. Per ciascun contratto potrai controllare gli importi, le scadenze, lo stato dei pagamenti e scaricare direttamente sul tuo smartphone la bolletta in pdf.


Autolettura
Comunica l’autolettura del tuo contatore Gas e Luce per avere le bollette sempre in linea con i tuoi consumi. Una semplice procedura guidata ti indicherà se la finestra di autolettura è aperta, e in che modo inserire e dati.
Potrai inoltre impostare un comodo avviso, per ricordarti l’operazione.


Consumi
Permette di visualizzare i tuoi consumi dei mesi precedenti, selezionando un periodo di interesse.


Negozi
Cerchi il negozio ENERCOM più vicino a casa tua? Consulta la mappa, trova le indicazioni, il numero di telefono e l’indirizzo email del negozio per essere sempre in contatto con il mondo ENERCOM.


Pagamento
Pagare le bollette non è mai stato così facile!
Entra nell’APP, seleziona l’icona pagamento e in pochi passaggi potrai pagare comodamente le tue bollette con carta di credito.

Grandi Clienti

Informazioni Accisa / Imposta Erariale di consumo

Informazioni per la richiesta di applicazione dell’Accisa o Imposta Erariale di consumo sul gas naturale per gli usi industriali prevista dall’ Articolo 26 del D.L. 504/95 e successive modifiche e integrazioni.

Si considerano compresi negli usi industriali gli impieghi del gas metano:

  • nel settore alberghiero;
  • negli esercizi di ristorazione;
  • nelle case di cura o di riposo gestite con fini di lucro;
  • negli impianti sportivi adibiti esclusivamente ad attività dilettantistiche e gestiti senza fini di lucro;
  • nelle attività ricettive alberghiere svolte da istituzioni ONLUS finalizzate all’assistenza dei disabili, degli orfani, degli anziani e degli indigenti;
  • per i consumi di gas metano destinati alla combustione in locali adibiti alla Distribuzione Commerciale;
  • negli enti ospedalieri e in tutte le altre strutture operative delle aziende dei servizi sanitari regionali;
  • nel teleriscaldamento alimentato da impianti di cogenerazione che abbiano le caratteristiche indicate nella lettera b) del comma 2 dell’articolo 11 della Legge 9 gennaio 1991 n. 10, anche se forniscono utenze civili.

Chi può aderire?

Possono presentare l’istanza i clienti con forniture per uso industriale e artigianale come meglio specificato sotto:

  • Per produzione di energia elettrica;
  • per attività industriali*, artigianali e agricole, in locali posti all’interno degli stabilimenti, dei laboratori e delle aziende in cui viene svolta l’attività produttiva.

Non sono ammessi i clienti domestici e le forniture ad uso residenziale.

Documenti

Da consegnare a ENERCOM per richiesta di applicazione Imposta Erariale usi industriali.

I documenti vanno inviati in originale presso:

ENERCOM S.r.l.
Via Santa Chiara 9, 26013 Crema (CR)

Forze Armate Nazionali

La legge finanziaria per l’anno 2008 all’art.1 comma 179 apporta modifiche all’art.17 del Testo Unico delle Accise ed alla relativa tabella A.

Con decorrenza 1° gennaio 2008 il gas naturale impiegato dalle Forze Armate nazionali come combustibile , è soggetto all’accisa di 0,01166 euro metro cubo.

Sono considerate forze armate nazionali: le forze militari dell’esercito (compresa l’Arma dei Carabinieri, la Guardia Costiera e le Capitanerie di Porto), dell’Aeronautica, della Marina e della Guardia di Finanza.

Il comma 180 stabilisce che su tali impieghi non si applicano l’addizionale regionale all’accisa e l’imposta regionale sostitutiva prevista per gli usi esenti.

L’Accisa per le forze armate viene applicata su richiesta scritta del comandante o del responsabile delle caserme/strutture interessate (questura, ecc).

Sono compresi anche gli alloggi di servizio in uso al personale, in questo caso è sempre il comandante a dichiarare l’uso per Forze Armate nella struttura/abitazione interessata e il titolare dell’alloggio deve richiedere l’applicazione dell’accisa. Le richieste devono essere fatte su carta intestata della struttura militare.

Esenzioni

Il Decreto Legislativo 26 del 2 febbraio 2007 ha introdotto la non applicabilità dell’Accisa sul gas naturale utilizzato per la riduzione chimica, nei processi elettrolitici, metallurgici e mineralogici classificati dalla CEE sotto il codice DI 26.

Per ottenere tale esenzione i Clienti devono presentare alla società fornitrice apposita istanza fornendo, con autocertificazione ai sensi degli art. 47 e 48 del DPR 445-2000, ed eventuale documentazione a corredo, tutti gli elementi necessari ad evidenziare i presupposti per l’esclusione dalla tassazione.

I Clienti che usano il gas in modo promiscuo, processo più riscaldamento, dovranno allegare inoltre una relazione, redatta da un esperto iscritto agli albi professionali, da cui risulti la percentuale di gas escluso dalla tassazione e quella del gas soggetto al altri regimi fiscali (accisa usi industriali).

Imposte e Agevolazioni fiscali

La fornitura di gas metano è soggetta all’imposizione fiscale, stabilita dal Ministero dell’Economia e delle Finanza nonché dalle Regioni.

Nell’ammontare dei corrispettivi figura anche l’imposta di consumo e la relativa addizionale regionale. Tale disciplina è in linea con le disposizioni della IV direttiva comunitaria n.388/77 del 17 maggio 1977 la quale, all’art.11, comma 2, lett.a) dopo aver premesso che la base imponibile è costituita per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi […] da tutto ciò che costituisce il corrispettivo versato o da versare al fornitore, dispone, in modo specifico, che nella base imponibile si devono comprendere le imposte, i dazi, le tasse ed i prelievi e non accorda agli Stati membri alcuna facoltà di introdurre eccezioni a tale principio.

Le variabili che incidono sulla formazione del prezzo sono:

  • IVA
  • Addizionale regionale (D.L. 398/90 e successive modifiche ed integrazioni)
  • Accisa sul gas naturale

IVA
È l’imposta sul valore aggiunto, applicata in termini percentuali   sull’imponibile complessivo (comprensivo di Accise e Addizionali regionali).
A partire dal gennaio 2008, per tutti gli usi civili, l’IVA verrà applicata:

  • al 10% sui consumi di gas fino a 480 mc/anno a partire dal 1° gennaio di ogni anno,
  • al 22% sui consumi gas oltre i 480 mc/anno sino alla fine dell’anno solare, sulle quote fisse della tariffa e sugli oneri accessori.

Per gli usi industriali l’IVA applicata è del 22%.

Le imprese estrattive, agricole e manifatturiere, comprese le industrie poligrafiche, editoriali e simili possono richiedere l’aliquota ridotta del 10 %.

Accisa sul gas naturale e Addizionali Regionali

L’entità dell’Accisa o Imposta di Consumo , commisurata ai metri cubi di gas erogati, è determinata dal Ministero delle Finanze ed è articolata per tipologia di utilizzo e per zona geografica.

con Decreto Legislativo 02 febbraio 2007 del ministero dell’Economia e delle Finanze, le aliquote di accisa sul gas metano per combustione per usi civili nei territori diversi da quelli di cui all’art.1 del testo unico delle leggi sugli interventi nel Mezzogiorno, a decorrere dal 01/04/2009 sono così determinate:

Accise, Addizionali regionali e imposta regionale sostitutiva per Forze Armate Nazionali

Con decorrenza 1° gennaio 2008 il gas naturale impiegato dalle Forze Armate nazionali come combustibile , è soggetto all’accisa di 0,01166 euro metro cubo.

Sono considerate forze armate nazionali: le forze militari dell’esercito (compresa l’Arma dei Carabinieri, la Guardia Costiera e le Capitanerie di Porto), dell’Aeronautica, della Marina e della Guardia di Finanza.

Il comma 180 stabilisce che su tali impieghi non si applicano l’addizionale regionale all’accisa e l’imposta regionale sostitutiva prevista per gli usi esenti.

Pagamento Bollette

Enercom Luce e Gas mette a disposizione dei propri clienti molti servizi utili a semplificare la gestione delle proprie utenze. Tra questi rientra la possibilità di pagare le bollette con diversi metodi.

Domiciliazione SEPA della bolletta

Evita la coda nei Negozi e non rischiare di dimenticare la scadenza delle tua bollette attivando l’addebito automatico con conto corrente bancario o postale.

Area Riservata MyEnercom

Entra nella tua Area Riservata, seleziona l’icona pagamenti e paga le tue bollette con carta di credito.

App Enercom

Entra nell’APP, seleziona l’icona pagamento e in pochi passaggi potrai pagare comodamente le tue bollette con carta di credito.

Bollettino postale

Presso la rete di uffici postali di Poste Italiane (avendo cura di indicare in causale il numero fattura o il codice contratto, alle seguenti coordinate: IBAN IT41I0503456841000000130190_Banco Popolare di Crema)

PUNTOLIS

Puoi pagare la bolletta presso le tabaccherie PUNTOLIS, edicole o bar convenzionati con LIS PAY S.p.A.
Il pagamento può essere effettuato con carte di credito e prepagate Visa e Mastercard, con carte PagoBancomat o Contanti.

Cerca il PUNTOLIS più vicino a te al seguente link www.puntolis.it/it/servizi-al-cittadino

Puntolis

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.
Il servizio è servito da LIS PAY S.p.a.
Per informazioni, condizioni economiche, trasparenza e privacy consultare il sito www.lispay.it

SisalPay

Paga la bolletta nei bar, tabacchi ed edicole SisalPay più vicini a te, in contanti, con carte e Bancomat oppure con la App SisalPay. Scopri su locator.sisal.com il Punto SisalPay più vicino.

Per pagare presso i punti vendita SISALPAY consegna all’addetto direttamente il bollettino postale.

Logo - SisalPay

Google Pay e Apple Pay

Al momento del pagamento attraverso area riservata o app con carta di credito è possibile in alternativa al circuito carta effettuare il pagamento attraverso Google Pay* o Apple Pay**.

*visibile solo da smartphone Android (no PC) con app di Google installata ed aggiornata e browser Chrome

**visibile solo da MAC con sistema IOS e browser Safari aggiornato

Note Legali e Contatti

PEC – Prestazioni

backoffice@pec.enercomsrl.it
(per prestazioni gas ed energia elettrica)

PEC – Misure

misureenercom@pec.enercomsrl.it
(per l’invio delle comunicazioni relative ai dati di misura)

PEC – Switch

switch@pec.enercomsrl.it
(per comunicazioni cambio fornitore)

Disservizio sistemi telematici

Nel caso in cui si verificasse un disservizio nei sistemi telematici di durata superiore alle 12 ore, le comunicazioni potranno essere inviate a mezzo fax al numero 0373893543, oppure a mezzo posta all’indirizzo:

ENERCOM s.r.l.
Ufficio Commerciale
Via S.Chiara, 9
26013 Crema CR

Cookies Policy

Navigando nelle pagine del sito alcuni cookies c.d. tecnici potrebbero essere installati sul tuo browser. Si tratta di cookies che servono esclusivamente a consentirti una migliore esperienza di navigazione ma che non ci consentono di archiviare nessun tuo dato personale utilizzabile ad altri scopi.

Al fine di disporre di dati statistici relativi alle visite sul sito, inoltre, potrebbero essere installati sul vostro browser ulteriori cookie (anche di terze parti) che saranno utilizzati esclusivamente al fine di registrare, in forma aggregata, i dati relativi agli accessi su queste pagine.

Altre info qui.

Informativa Privacy

ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 679/2016 (Regolamento generale sulla protezione dei dati), relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati.

Fonte dei dati e finalità del trattamento
I dati personali in nostro possesso sono raccolti direttamente presso i singoli clienti durante un rapporto o una proposta di fornitura e/o durante un rapporto di compravendita di prodotti e/o servizi e, in generale, durante un rapporto di qualsiasi genere intrattenuto con ENERCOM S.r.l., anche da non cliente. Tutti i dati personali, compresi gli eventuali ulteriori dati che dovessero essere forniti nel corso del rapporto contrattuale, e anche successivamente, sono utilizzati per i seguenti trattamenti, anche automatizzati:

  1. per poter dar corso alla conclusione e all’esecuzione del contratto, o dei contratti, e agli adempimenti a esso/i strettamente collegati di natura amministrativa o connessi a norme civilistiche, fiscali, contabili, etc., nonché delle prestazioni richieste dall’interessato – quali, a titolo esemplificativo, l’invio di fatture e/o altre comunicazioni, anche in formato Pdf, a mezzo posta ordinaria, mail, fax, telefono fisso o cellulare, sms, mms, WhatsApp, webchat, social network, applicazioni digitali/web, etc. – o, anche indirettamente al distributore per tramite della società di vendita – quali preventivi, allacciamenti, attivazioni, disattivazioni, modifiche, pronto intervento e autoletture;
  2. per poter rilevare i consumi di energia;
  3. per poter fatturare l’energia vettoriata e consumata;
  4. per l’addebito del canone RAI in bolletta;
  5. per la comunicazione dei suddetti dati a società terze di gestione e tutela del credito ai fini del recupero del medesimo;
  6. per l’invio del materiale commerciale e informativo, oltre che promozionale a mezzo posta ordinaria, in regime di autoprestazione o per tramite di contatti telefonici, fax, mail, cellulare e/o sms e/o mms e/o WhatsApp e/o webchat, social network, applicazioni digitali/web;
  7. per lo svolgimento di attività finalizzate all’elaborazione di studi e ricerche di mercato, anche finalizzate all’assolvimento degli obblighi di verifica della soddisfazione del cliente;
  8. Per l’iscrizione a particolare eventi/manifestazioni.

Modalità di trattamento dei dati
Il trattamento dei dati avverrà mediante strumenti idonei a garantire la sicurezza e la riservatezza e potrà essere effettuato oltre che con strumenti manuali anche attraverso strumenti automatizzati (sia informatici sia telematici) atti a memorizzare, gestire e trasmette- re i dati stessi. A titolo esemplificativo: a mezzo posta ordinaria, in regime di autoprestazione o per tramite di contatti telefonici, fax, mail, cellulare e/o sms e/o mms e/o WhatsApp e/o webchat, social network, applicazioni digitali/web.
I dati personali dell’interessato saranno trattati nel rispetto delle modalità indicate nel Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali e nel Regolamento generale sulla protezione dei dati, prevedendosi, tra l’altro, che i dati stessi siano:

  1. Trattati in modo lecito e secondo correttezza;
  2. Raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi;
  3. Esatti e, se necessario, aggiornati;
  4. Pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle formalità del trattamento.

Tutti i dati sono conservati per un tempo minimo di 10 anni e comunque per 10 anni dalla data di cessazione del rapporto. I dati che hanno valenza fiscale sono conservati per il periodo fissato dalla legge.

Non è previsto un processo decisionale automatizzato.
Sono state, inoltre, adottate le misure minime previste dal D.Lgs. 196/03 e ss.mm.ii. e dal Regolamento UE 679/2016.

Obbligatorietà del conferimento dei dati e conseguenze del rifiuto di conferimento
I dati richiesti sono obbligatori per le finalità di cui ai punti 1, 2 (per il contratto di fornitura di energia elettrica/gas), 3 (per il contratto di fornitura di energia elettrica/gas) e 4 (per il contratto di fornitura di energia elettrica). Il mancato conferimento dei dati renderà impossibile eseguire le prestazioni richieste nel rispetto delle leggi e dei regolamenti vigenti.

Esenzione dal consenso
Il consenso al trattamento non è richiesto quando il trattamento:

  • è necessario all’esecuzione di un contratto di cui l’interessato è parte o all’esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso;
  • è necessario per adempiere un obbligo legale al quale è soggetto il titolare del trattamento, anche previsto da un regolamento o da una norma comunitaria;
  • il trattamento è necessario per l’esecuzione di un compito di interesse pubblico o connesso all’esercizio di pubblici poteri di cui è investito il titolare del trattamento;
  • il trattamento è necessario per il perseguimento del legittimo interesse del titolare del trattamento o di terzi, a condizione che non prevalgano gli interessi o i diritti e le libertà fondamentali dell’interessato che richiedono la protezione dei dati personali, in particolare se l’interessato è un minore.

I legittimi interessi perseguiti dal Titolare del trattamento consistono nel dover rispettare e onorare le obbligazioni contrattuali assunte tra le parti e nel vedersi adempiute le contropre- stazioni a carico dell’interessato, nella valutazione del rischio creditizio, nell’elaborazione di studi e ricerche di mercato per il miglioramento dei servizi e nel marketing diretto.
In particolare, i dati raccolti dal servizio di pronto intervento, dal servizio di accertamento degli impianti interni, dal servizio di autoletture, dal servizio di verifica della soddisfazione del cliente sono necessari per assolvere ad obblighi previsti da regolamenti emanati dalla Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico, ivi incluse le registrazioni delle chiamate di richiesta di pronto intervento.

Categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati
I dati personali forniti o acquisiti nel corso del rapporto potranno essere comunicati ai seguenti soggetti che svolgono funzioni strettamente connesse o strumentali alla nostra attività, funzioni che devono pertanto ritenersi fondamentali ai fini dell’operatività della società:

  1. 1. all’Amministrazione finanziaria, agli enti previdenziali e assistenziali se necessario, all’Autorità di Pubblica Sicurezza, alla ASL;
  2. 2. alle aziende di Distribuzione, agli appaltatori dei servizi di manutenzione, di rilevamento dei consumi e della soddisfazione del cliente, di gestione dei servizi di telecomunicazione, ai call center di customer care, autolettura e di pronto intervento, ai gestori delle banche dati elettroniche, ai produttori delle comunicazioni e delle fatture o altri enti per servizi accessori alle prestazioni richieste, alle società terze di gestione e tutela del credito, alle società e comunque a tutti i i soggetti terzi che forniscono il servizio connesso a qualsivoglia contratto stipulato con ENERCOM S.r.l. dal soggetto interessato dal trattamento.

I dati non saranno comunque oggetto di diffusione.

Diritto dell’interessato
Al soggetto interessato dal trattamento dei dati è riconosciuto l’esercizio degli specifici diritti di cui all’art. 15 del Regolamento UE 679/2016. Si informa il Cliente che gode altresì dei diritti di cui agli artt. 16, 17, 18, 19, 20, 21 e 22 del Regolamento UE 679/16.

In particolare: l’interessato può ottenere dal titolare del trattamento la conferma dell’esistenza o meno di un trattamento di dati personali che lo riguardano e di ottenere l’accesso ai suddetti dati.
L’interessato può, altresì, chiedere di conoscere l’origine dei dati nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento e le categorie dei dati personali in questione, i destinatari o le categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati, quando possibile il periodo di conservazione dei dati personali previsto oppure, se non è possibile, i criteri utilizzati per determinare tale periodo; di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o la limitazione del trattamento dei dati personali nonché l’aggiornamento, la rettificazione o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati; e di opporsi in ogni momento al trattamento in maniera agevole e gratuitamente, oltre al diritto alla portabilità dei dati e a quello di revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca.

L’interessato ha inoltre il diritto di proporre un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le procedure e le indicazioni pubblicate sul sito web ufficiale dell’Autorità su www.garanteprivacy.it.

Titolare e responsabile del trattamento e dpo:
Titolare del trattamento dei dati è ENERCOM S.r.l., Via Santa Chiara, 9 – 26013 Crema (CR), Tel. 0373 893511; fax 0373 893543; info@enercomsrl.it.
Il Responsabile pro tempore del trattamento dei dati designato per il riscontro all’interessato in caso di esercizio dei diritti è il Dott. Paride Bottajoli, domiciliato per la carica e reperibile ai recapiti sopra riportati.
Il Data Protection Officer (“DPO”) nominato dal Titolare ai sensi degli artt. 37 e ss., GDPR, è il Dott. Valeriano Maioglio. È possibile contattare il DPO inviando una e-mail all’indirizzo: dpo@enercomsrl.it

Altre info qui.

Newsletter

Il sito attualmente implementa (tramite servizi di newsletter SaS esterni al sito) un sistema di newsletter per l’invio (previa autorizzazione, registrazione e mail di optin) di materiale promozionale e informativo.
I dati e i contatti raccolti saranno utilizzati per:

  • inviare email/sms promozionali relative alle attività, servizi, prodotti e promozioni proposte dal titorlare
  • analisi dei dati a titolo statistico e inferenziale

La procedura di rimozione dalle liste è attuabile in qualsiasi momento e disponibile come link in calce a tutte le email inviate.

Diritto d’autore

Tutto il materiale presente sul sito è protetto, sia singolarmente sia come insieme complessivo ovvero banca dati, dalla legge n.633/1941 in quanto applicabile; è vietata qualsiasi riproduzione senza il consenso scritto dell’editore e dell’autore dell’eventuale saggio. E’ consentita – sempre ai sensi e per gli effetti di cui alla legge n.633/1941 – la citazione, con l’indicazione della fonte e solo dopo autorizzazione scritta degli autori. Tutti i marchi sono di proprietà dei rispettivi proprietari.

Hai bisogno di aiuto?

Non trovi quello che cerchi?
Non esitare a contattarci, ti aiuteremo noi!

Contatti